Cose da Vedere in Versilia



Viareggio

L'origine dell'abitato di Viareggio risale al 1400 e si sviluppava intorno ad una fortificazione preesistente. Città di marinai, legata prevalentemente alle tradizioni della Pesca, conobbe il turismo balneare nel 1800, con la costruzione dei due primi due stabilimenti, che avvenne nel 1828. Oltre all'attività della Pesca e a quella balneare Viareggio viene ricordata anche per il suo Carnevale, che caratterizza le fredde giornate invernali e che termina con la consueta sfilata dei carri, considerata per il nostro costume nazionale, di grande importanza. Famosa per il suo carnevale che ha luogo a febbraio, Viareggio è una delle località di villeggiatura più frequentate in Italia. Considerata di fatto il capoluogo della Versilia, Viareggio sfoggia ville, grandi alberghi, caffè stile liberty, costruiti intorno agli anni venti, un meraviglioso esempio è il Gran caffè Margherita situato sull'omonimo viale lungomare, detto anche "la passeggiata di Viareggio", il Gran caffè Margherita è progettato nel 1928 con interessanti decorazioni art noveau. Oggi Viareggio, con centinaia di Hotel e oltre 100 Stabilimenti Balneari (o come li chiamano i Viareggini "Bagni") attrezzatissimi tanto da apparire come una schiera di Villaggi Turistici, è certamente uno dei luoghi Italiani più adatto e ambito, soprattutto da Giovani e Famiglie con figli piccoli, per una Vacanza al Mare.

Forte dei Marmi

Famosa località di villeggiatura "in" (ovvero per personaggi VIP), prende il nome dal Fortino che sorge al centro della Città voluto dal Granduca Leopoldo a difesa dei suoi territori e dei preziosi marmi che dalle Alpi Apuane venivano trasportati fino al pontile sul Mare (ancora oggi presente a Forte dei Marmi) per poi prendere la via del mare. Oggi il "fortino" si trova immerso in un contesto urbano moderno, costellato di lussose Ville, costituito da una griglia di strade alberate che dona alla città un aspetto mondano e riposante. A lato del Fortino, in Piazza Garibaldi, è presente un magnifico pozzo risalente al settecento. Particolarmente affascinante la zona chiamata "Roma Imperiale" dove sono presenti molte delle bellissime ville, realizzate in vari stile e di varie epoche e dotate di grandi giardini e spazi verdi. In questa zona sono disseminate ville disegnate dai migliori architetti come Michelucci, Giò Ponti e Pagano, nonchè alcune costruzioni di particolare pregio anche storico, come ad esempio Villa Agnelli, oggi Hotel Augustus, con il suo sottopassaggio che porta direttamente in riva al mare, oppure la "Capannina di Franceschi" il primo Night Club d'Italia, inaugurato addirittura nel 1929 e che ancora riesce a portare in Versilia tanti Artisti e VIP, nonchè migliaia di persone in cerca di divertimento, magari in una delle molto amate serate in tema anni Sessanta che la mitica Capannina di Forte dei Marmi sovente propone.

Il Castello di Rotaio a Camaiore

Una fortezza del XIII secolo sorta lungo l'antica Via Francigena
In posizione dominante sul tracciato dell'antica via "Francigena", tra le colline coltivate a vite ed ulivo, sorge il castello di Rotaio. La fortezza venne costruita nel 1223 per volere del governo di Lucca, che mirava a controllare militarmente le zone litoranee. Oggi di proprietà privata, appare circondato da un alto muro di cinta, con ancora perfettamente visibile l'antica torre di guardia posta al di sopra della porta di accesso.
Il castello gode tutt'oggi di una collocazione splendida: in posizione elevata offre forse uno dei panorami più belli della Versilia.

Villa Borbone delle Pianore

Un parco di cinque ettari, ricco di piante esotiche e circondato da uliveti è la verde cornice di Villa Borbone delle Pianore, Un vasto complesso composto da tre edifici, costruiti in epoche diverse. La costruzione più recente è la nord, edificata nel 1964 per ospitare una scuola superiore, la parte sud risale alla fine del XIX secolo, ed è nota come palazzo del Duca Roberto; al centro sorge, invece, l'edificio più antico, la villa di Maria Teresa di Savoia del XVIII secolo. Duchessa di Lucca e moglie di Carlo Lodovico di Borbone. Maria Teresa scelse un antico mulino per realizzare il suo piccolo rifugio amoenus nella campagna versiliese. Ristrutturato sapientemente dagli architetti dell'epoca, il piccolo edificio si trasformò in una villa "gioiello" dove trascorrere ore di letizia e svago. Alla costruzione era annessa anche una cappella che subì diverse modifiche nel corso dell'Ottocento, con l'aggiunta di una curiosa facciata neo rinascimentale e una lunetta intagliata che simula le ceramiche dei della Robbia.
Il legame con la casa dei Borbone, che aveva lasciato a Camaiore il ricordo di un governo saggio e illuminato, continua nel tempo. Nel 1888 Roberto, duca dei Borbone di Parma, si fece costruire un nuovo imponente palazzo di tre piani, che riprende stilisticamente il modello di dimora rinascimentale. Oggi si possono osservare le ricche e perfettamente conservate decorazioni degli interni: soffitti a cassettoni, stucchi e marmi policromi. Il parco circostante venne realizzato contemporaneamente all'edificio ottocentesco dal famoso architetto paesaggista Dechamps.

La Rocca di Sala

La Rocca di Sala - Pietrasanta - VersiliaStradine lastricate che si intersecano creando giochi di ombra sui fianchi di antichi palazzi nobiliari; l'improvviso rumore delle fabbriche di marmo e bronzo che rompe il silenzio e disturba il sonno dei gattini appisolati sopra i tetti assolati delle case.
Questa è Pietrasanta vista dall'alto delle sue mura merlate, secolare abbraccio difensivo di una delle più belle cittadine della Versilia.
L'antica Rocca di Sala rappresenta, infatti, il migliore punto di osservazione dell'impianto urbanistico del centro storico: vi si domina la piazza Duomo su cui affacciano la Cattedrale col suo rosso campanile, il palazzo Moroni, la facciata aurea di Sant'Agostino, la torre delle Ore.
Detta anche Rocca Ghibellina, la Rocca si compone di un complesso fortificato di forma quadrata con torri angolari e mastio centrale. La sua storia si lega alle origini del comune di Pietrasanta giàn epoca longobarda. Nel sec. XIV Castruccio Castracani  ordinò la sua fortificazione insieme alla costruzione di un'altra rocca, la Rocca Arrighina. Fu proprio attorno a queste due rocche che iniziò svilupparsi il primo nucleo urbano di Pietrasanta.
La sua posizione strategica sulla collina a dominare il centro cittadino attira l'attenzione di Signori e potenti, tanto che Paolo Guinigi nel XV secolo vi costruisce un palazzetto residenziale, unito a quello che resta dell'antica cinta muraria. Nei secoli ospitò personaggi illustri tra cui imperatori e pontefici. Nel 1700 fu disarmata e venduta per ordine di Leopoldo I, Granduca di Toscana.
Ristoranti Consigliati in Versilia - I migliori Ristoranti della Versilia dove mangiar bene
I migliori Stabilimenti Balneari della Versilia a consigliati da VersiliaHotel.it
Offerte Hotel in Versilia - Versilia Hotel a prezzo scontato



Vedi altre mete turistiche